Ristorante

RISTORANTE VILLA ZACCARIA

"COME APRIAMO DOPO IL LOCKDOWN"

Il nostro ristorante riaprirà di norma

il Venerdì ed il Sabato alla sera

e la Domenica a pranzo.

 

Se il tempo lo permette, il Venerdì

ed il Sabato il ristorante funzionerà nel parco.

Mentre la Domenica all’interno. 

 

Oltre al distanziamento all’interno

del tavolo di oltre 1 metro, la distanza

tra i tavoli sarà di oltre 3 metri.

 

Entro la Domenica sera saranno

pubblicati su Instagram i due menù,

uno di pesce ed uno tradizionale,

che offriremo nel weekend successivo,

con il relativo costo.

 

Tavoli composti da più di 8 persone

avranno una sala “riservata”.

 

Il vino, per evitare contatti tra non

congiunti, nel caso ci fossero, verrà

versato dal nostro personale.

 

Ovviamente, come da prescrizione

regionale, dovremo misurare la

temperatura ad ogni ospite ed avere

un numero di telefono per ogni prenotazione.

 

Il massimo di commensali che riusciamo

a predisporre in un unico tavolo,

che rispetti le direttive di legge,

è di 14 persone.

"COME SI PRENOTA"

Si prenota attraverso la mail:

info@ristorantevillazaccaria.it

o telefonando allo:

0372 95860

 

Specificando già la scelta del menù

ed eventuali allergie.

STORIA DELLA VILLA

Le origini dell’edificio sembrano risalire al 500 quando Papa Gregorio XIV Sfondrati, già segretario del concilio di Trento e vescovo di Cremona, la costruì per la sorella e i nipoti Crotti. Villa Zaccaria si presenta come un grande parallelepipedo, fiancheggiata da due basse ali, che racchiudono, attraverso il porticato, il grande spazio interno, la Corte d’onore. Circondata da un maestoso parco, la villa resta tuttora famosa per il suo salone centrale, decorato da due grandi affreschi di Sebastiano Galeotti alle pareti e da un imponente tela posta sulla cupola in parte dipinta dallo stesso Galeotti. Nella seconda metà dell’Ottocento la proprietà passò ai Marchesi Zaccaria, famiglia di ascendenze illustri, celebre e famosa oltre che a Cremona, anche a Genova, Venezia e Milano. Il casato Zaccaria ebbe modo di distinguersi sin dai tempi delle Repubbliche Marinare, fu infatti Benedetto Zaccaria, ammiraglio audace e valoroso, il vincitore della battaglia della Meloria. Ma la figura che più ebbe venerazione e ricordo, fu quella di Antonio Maria Zaccaria, primo alfiere della controriforma. Fondò l’ordine dei Chierici regolari di San Paolo detti Barnabiti e quello delle Angeliche. Oggi Villa Zaccaria è proprietà della famiglia Bonfiglio di Orzinuovi che ne ha curato il restauro e la sta portando agli splendori di un tempo. Lo storico e curatissimo parco, la maestosità delle sale interne, la corte d’onore, il piano nobile, la terrazza sul lago, i due grandi affreschi della sala della musica dipinti da Sebastiano Galeotti agli inizi del settecento, pittore della scuola Tiepolesca, le cui opere sono presenti anche alla galleria degli Uffizi a Firenze e le finissime decorazioni delle tantissime sale, rappresentano la cornice ideale per rendere prestigioso qualsiasi evento, a partire dalla semplice cena. Il ristorante è gestito dalla famiglia Bonfiglio Piola, ristoratori bresciani fin dal 1893, che già nel 1954 cominciarono a misurarsi nell’organizzazione di eventi e matrimoni.

SALE PRINCIPALI

Scopri la bellezza delle sale di Villa Zaccaria.

Sala della Musica

Sala della Frutta

Sala dei Fiori

Sala delle Maschere

Sala dell'Oro

Sala Colonne

Cappella Gentilizia

SALE PIANO NOBILE

Scopri la bellezza delle sale di Villa Zaccaria situate al piano superiore.

Sala Marchese

Sala del Bellini

Sala degli Scacchi

Sala Cesare

Sala Svizzera

DOMANDE?